Foto, pensieri, racconti, ricette e tant'altro...
Per un'ottima visualizzazione del blog consiglio Mozzila Firefox .
Folositi Mozzila Firefox pentru a putea vizualiza blogul in conditii optime.

martedì 28 aprile 2009

Polpettine piccanti - Chiftele picante

Una ricetta conosciutissima, che può avere comunque diverse varianti. A Napoli per esempio ho notato che fra gli ingredienti ci sono anche i pinoli, l'uva secca parmigiano grattugiato, (nelle polpette non piccanti ovviamente) che in Romania non usavamo.
Queste polpettine invece le volevo simile ai "mici o mititei" che è una specialità romena conosciutissima e apprezzatissima non solo dai romeni ma anche dai turisti che vanno in Romania, per cui alcuni ingredienti sono quelli dei mici. Certo, queste sono polpettine e non mici, ma il gusto si avvicina molto.
O reteta foarte cunoscuta, dar care oricum poate avea diferite variante. La Napoli de exemplu in chiftele (normale, deci nu picante) se adauga si parmezan razalit, seminte de pin si stafide, care dau un gust mai dulce, foarte placut.
Acest tip de chiftele am vrut sa le fac oarecum ca si micii - mititeii, gustul se apropie destul de mult
Ingredienti:
400 g carne macinata - carne macinata
poco olio - putin ulei
bicarbonato - bicarbonat
limone - lamaie
aglio - usturoi
acqua minerale frizzante - apa minerala
sale, pepe - sare, piper
pepe di giamaica - ienibahar
coriandolo - coriandru
brodo carne (con ossa) - supa de carne (oase)

Prepariamo un salsina di aglio: aglio sminuzzato, mezzo bicchiere di acqua minerale, poco sale, mescoliamo bene.
Prepariamo il brodo di carne con ossa (basta 1/2 kg).
Mescoliamo la carne macinata, con due cucchiai di olio, un pizzico di bicarbonato "spento" in due cucchiai di sugo di limone, salsa di aglio, sale, pepe, pepe di Giamaica e coriandolo, e il brodo di carne. Formiamo le polpettine e preferibilmente farle arrosto, si possono fare ovviamente anche fritte.
Di solito si mangiano assieme alla mustarda, il tipo dolce (esiste anche quella piccante), patatine fritte e un bel bicchiere di birra come nella foto.
Questa volta ho preferito un'insalata mista.



Centra

domenica 26 aprile 2009

Litchi chinensis

Il Litchi chinensis (litchi o ciliegia della Cina) è il solo membro del genere Litchi nella famiglia delle Sapindaceae. È un frutto orientale originario del sud della Cina, dell'Indonesia e delle Filippine. Nel Mediterraneo con opportuni accorgimenti può sopravvivere solo nella fascia climatica del limone: Estese e produttive piantagioni esistono in Israele. In Italia ci sono alcune piante adulte in Sicilia, ma sinora il litchi non ha suscitato un interesse a fini commerciali. Potrebbe crescere bene anche nei versanti montani esposti a Sud di Sardegna e Calabria, dove non geli.

Provenienza: Madagascar, Malesia.

Stagione: da novembre a gennaio e ad aprile.

Aspetto/varietà: assomigliano ad una noce in grandezza e aspetto. Hanno un sottile guscio ruvido rosso e rosa, che si stacca facilmente. La polpa è bianca traslucida succulenta e dolce, con un seme che ricorda quello delle nespole. Il litchi ha un delicato profumo di moscato e rosa.

Come scegliere: il frutto deve avere un aspetto fresco e un delicato profumo di rosa.

Conservazione: 1 a 2 settimane a temperatura ambiente. Il sapore rimane inalterato anche se il guscio diventa più scuro.

Come consumare: per gustare a pieno il sapore, mangiate il litchi fresco al naturale. Comunque si adatta anche molto bene a numerose ricette, con macedonia, aggiunto ai cocktails di spumante o rhum, in sorbetti.

Proprietà nutrizionali: Valore calorico: 55-60 calorie per 100 grammi. Fra le vitamine è presente in buona quantità la C, buone anche le dosi di sali minerali (calcio, potassio, magnesio e fosforo).

Una ricetta speciale: tagliare un ananas a metà, svuotarlo leggermente tagliando la polpa a dadini. Riempire il guscio di ananas con qualche pallina di sorbetto di litchi, aggiungere la polpa di ananas a dadini, coprire con la meringa (bianco d'uovo montato con zucchero). Mettere in forno per 15 minuti e servire subito.

E un fruct pe care il cunoastem relativ putin, si care il gasesti de obicei in marile supermaketuri, tip Ipercoop sau Auchan, dar si la "Lidl" l-am gasit. Sau in magazinele etnice, cu produse pentru straini.
Denumit si "cires chinezesc", are marimea unei nuci, e un fruct foarte parfumat, iar la gust seamana cu nespola si chiar cu strugurii.
Contine multa vitamina C, saruri minerale: calciu, potasiu, magneziu, fosfor.
Se consuma crud, dar si in macedonii, coktail, spumante sau rhum.
Si Marei si mie ne plac mult, cand ii gasim sunt totdeauna prezenti pe masa



Pasta al forno - Paste la cuptor

Una delizia...sempre!
Ingredienti:
400 g lasagne - 400 gr lasagne
300 gr carne macinata - carne macinata
200gr ricotta
- urda sau branza de vaca
poco sale - putina sare
salsa di pomodoro
- sos de rosii
basilico - busuioc
olio extravergine di oliva - ulei de masline

Prepariamo la salsa, poi mescoliamo la carne macinata con la ricotta, poco sale. Su una teglia mettiamo un po' di olio, e a strati le lasagne e il composto di carne macinata e ricotta. Copriamo con la salsa e basilico. Lasciamo circa 40 minuti al forno a 180°.
E' uno dei nostri pranzi preferiti!

Pregatim intai sosul de rosii (putin ulei, un catel de usturoi si rosii sau bulion, lasam la foc mic pana se face mai dens) p'orma amestecam branza sau urda cu carnea macinata, saram dupa gust. Pe o tava punem putin ulei, si aranjam in straturi: lasagne (e o forma lata de paste, in foi), carnea macinata amestecata cu branza iar deasupra sosul de rosii si cateva frunze de busuioc. Lasam la cuptor cam 40 de minute, la 180°.
E unul din felurile noastre preferate
Centra

Involtini di melanzane fritte- Rulouri de vinete prajite

Simile agli involtini arrostiti, si possono fare fritti in olio mettere una fettina di prosciutto, una di sottiletta arrolare e fermare con lo stuzzicadenti, un po' di sale e lasciare una decina di minuti al forno.
Ca si rulourile de vinete la coapte pe plita, de data aceasta feliile de vinete le prajim putin in ulei, punem o feliuta de sunca, una de branza, rulam si prindem cu o scobitoare, putina sare si lasam la cuptor cam 10 minute.

venerdì 24 aprile 2009

Patate ripiene - Cartofi umpluti

Adoro le patate fatte in diversi modi, adoro i funghi, così ho pensato di unirli in un piatto unico, ed è venuto davvero molto buono.
Certo, le patate ripiene si possono fare in tanti modi, ed io una proverei sempre tutto :-))

Ador cartofii facuti in diferite feluri, ador ciupercile, si prin urmare m-am gandit sa unesc ambele ingrediente intr-un singur fel de mancare, care mi-a placut tare mult. Desigur, cartofii umpluti se pot face in multe variante, eu una le-as incerca pe toate :-))

Ingredienti:
patate - cartofi
prosciutto - sunca
funghi champignon - ciuperci champignon
sale, pepe - sare, piper
prezzemolo - patrunjel
aglio - usturoi
olio - ulei

Laviamo bene le patate, le tagliamo in due, e le scaviamo un po' al centro, salare e pepare. Tagliamo il prosciutto a dadini, i funghi a fettine, poco sale, un po' di aglio tritato, e riempiamo le patate con questo composto coprendo con il prezzemolo e poco olio su ogni pezzo.
Lasciamo le patate al forno a 180° per circa 45 minuti.

Spalam foarte bine cartofii, ii taiem in jumate, cu un cutit luam mijlocul, saram si adaugam putin piper. Taiem sunca cubulete, ciupercile feliute, putina sare, usturoi pisat, si umplem cartofii cu aceasta umplutura. Adaugam putin ulei si patrunjel. Lasam la cuptor la180° , circa 45 minute.


Salata de vinete cu maioneza- Melanzane con maionese

Tipica ricetta romena, ricetta di mia mamma, semplice, buona sempre :-))
Reteta de la mama, simpla si gustoasa oricand :-))

Ingredienti:

melanzane - vinete
sale - sare
maionese - maioneza

Si fanno arrostire le melanzane con tutta la buccia, poi si puliscono e si tagliano finemente, quasi come una cremina. Si aggiunge poco sale e la maionese (in base alla quantità di melanzane). Una ricetta festiva, usata abbastanza spesso in Romania.
La variante senza maionese, qui.
Vinetele se coc pe gratar cu tot cu coaja, se curata si se taie foarte marunt, pana ajung sa fie ca o crema. Adaugam putina sare si maioneza, dupa gust.
Varianta fara maioneza, aici.


martedì 21 aprile 2009

Girelle al parmigiano e sesamo - Perinite cu parmezan si susan

Una ricetta che mi ha subito attirata l'attenzione, non difficile e devo dire a chi piace il parmigiano...
Ho messo anche un fettina di prosciutto crudo o speck, ma giusto perché avevo e ci piace.

O reteta care mi-a atras imediat atentia, destul de usor de realizat, si mai ales excelenta pentru iubitorii parmezanului...

Ingredienti:
500 gr farina (circa) 500 gr faina (circa)
200 ml acqua - 200 ml apa
25 gr lievito - 25 gr drojdie
100 gr burro o margarina - 10o gr unt sau margarina
1 cucchiaino di sale - 1 lingurita de sare
50 gr zucchero - 50 gr zahar
parmigiano a piacere - parmezan cat doriti
latte, un uovo per spennellare - lapte, ou pentru uns
sesamo - susan

Si fa un impasto con la farina, l'acqua, il lievito, burro, sale, zucchero; si lavora bene e lo si lascia lievitare finché raddoppia di volume. Si stende in forma rettangolare, e si mette il parmigiano grattugiato (ho messo anche prosciutto crudo o speck), si rulla e si taglia a girelle, ma questa volta rimangono in "piedi, (vedi foto) si spennella con uovo battuto mescolato col latte, si aggiunge lo sesamo a piacere e lasciamo al forno per circa 25 minuti, a 180°. Si mantengono bene per qualche giorno.
Faceti aluatul din faina, apa, drojdie, unt, sare, zahar; dupa ce l-ati framantat foarte bine, il lasati la dospit pana isi dubleaza volumul. Intindenti in forma dreptunghiulara, puneti paremzanul razalit ( eu am pus si felii de sunca cruda), rulati si taiat a rondele, dar le lasati "in picioare" (vezi poza). Se bate un ou si se amesteca cu putin lapte si sare, ungem perinitele, adaugam susan si lasam la cuptor cam 25 de minute, la 180°. Se mentin binisor cateva zile.

domenica 19 aprile 2009

Doppia Pasqua - De doua ori Pasti

Oggi si festeggia la Pasqua ortodossa e greco-cattolica, sembrerà strano ma io e la mia famiglia abbiamo sempre festeggiato due volte questa festa.
Ai tempi di Ceausescu le chiese cattoliche romene furono chiuse ed ai romeni fu vietata la religione cattolica, motivo per cui mia madre fu anche condannata al carcere (e chiusa come detenuto politico!!!) perché non volle passare alla religione ortodossa.
Io fui battezzata ai greco cattolici di nascosto (a casa di un prete greco-cattolico)ma poi seguimmo le chiese romano-cattoliche ungheresi. Ecco perché abbiamo sempre festeggiato due volta la Pasqua, sia quella romano-cattolica che greco-cattolica.
Perché si festeggiano in date diverse, vedi qui.
Nelle foto, una delle tradizioni romene a Pasqua, rompere le uova colorate, cosa che ha sempre divertito Mara e ha fatto divertire anche Manuel.
Il primo giorno dopo la Pasqua si usa anche "annacquare" (udatul o locsolas in ungherese) le ragazze col profumo, vedi qui). Beh, lo farà Manuel per noi :-))
Am sarbatorit totdeauna de doua ori Sarbatorile de Pasti, fie pentru ca in trecut mergeam la maghiari la romano-catolici la biserica (biserici catolice in limba romana nu existau pe vremea lui Ceausescu, mama a fost chiar inchisa cand n-a vrut sa treaca de la catolici la ortodocsi ) fie pentru ca de fapt noi eram greco-catolici si deci mama tinea la ambele rituri.
In poze Mara si Manuel ciocnesc ouale colorate (dupa obiceiul care l-am "adus" cu mine :-)) si mai stiu si de obiceiul udatului, care are loc maine, si ...il voi invata pe Manuel s-ao faca :-))

venerdì 17 aprile 2009

Plum cake e salsa di frutta - Plum cake cu sos de fructe

Un dolce della pasticceria francese, un plum cake del maestro Pierre Hermé.
L'estate scorsa a Termoli mi è capitato di assaggiare dei taralli al vino...buonissimi! Hanno superato di gran lunga le mie aspettative!
Leggendo questa ricetta di plum cake mi ha colpito di nuovo il "binomio" vino- olio di oliva....ed eccola, è venuta una vera bontà, servita con una salsa di frutta fresca.
O prajitura din bucataria franceza, un plum cake care poarta numele lui Pierre Hermé.
Vara trecuta am avut ocazia la Termoli sa gust niste covrigei cu..vin! Extraordinar de buni, nu ma asteptasem!
Citind aceasta reteta mi-a atras atentia imediat amestecul de vin alb-ulei de masline., si...a iesit excelent, servit cu un sos de fructe proaspete. (sau cumparat daca nu aveti fructele necesare).

Ingredienti:
4 uova - 4 oua
350 gr farina - 350 gr faina
350 gr zucchero - 350 gr zahar
150 ml olio di oliva - 150 ml ulei de masline
150 ml di vino bianco - 150 ml vin alb
180 ml di latte - 180 ml lapte
1 bustina di lievito - 1 plic praf de copt

Sbattere le uova con lo zucchero finché otterrete un composto spumoso e chiaro, che avrà raddoppiato il volume; unite l'olio, il latte, il vino, la farina setacciata col lievito.
Versate il composto in uno stampo di 30 cm. Lasciate a 180° per circa 40 minuti.
Se bat ouale cu zahar pana se obtine o spuma deschisa la culoare si volumul dublat; adaugati uleiul, laptele, vinul, faina trecuta prin sita impreuna cu praful de copt. Varsati intr-o tava de 30 cm. Lasati la 180° circa 40 de minute.

Salsa di frutta
- Sos de fructe

100 gr ciliegie - 100 gr cirese
100 gr fragole - 100 gr capsuni
100 gr lamponi - 100 gr zmeura
1/2 limone - jumate lamaie
4 cucchiai di zucchero - 4 linguri zahar
4 cucchiai di acqua - 4 linguri apa
Mettere la frutta pulita, il succo di limone, lo zucchero in una padella e fate cuocere a fuoco lento finché la frutta sarà morbida e sciroppata. Alzate la fiamma se dovesse esserci troppa acqua.
Puneti fructele curatate, sucul de lamaie, zaharul intr-o craticioara si lasati la fiert la foc mic pana cand fructele devin moi si insiropate. Ridicati putin flacara daca va ramane prea multa apa.


giovedì 16 aprile 2009

Taralli al sesamo - Covrigi cu susan

Quando vorresti mangiare qualcosa ma non sai cosa...E' una volta trovati uno tirra l'altro :-))
I taralli li ho sempre amati in tutte le loro forme e ricette; per Pasqua ne avevo voglia e li ho fatti, in modo diverso dalla'altra volta.
Cand ai pofta sa mananci ceva dar nu stii ce anume...Si in momentul in care i-ai gasit dupa primul vine al doilea si tot asa... :-))
Covrigii mi-au placut intotdeauna, in toate formele si retete diferite; cu ocazia sarbatorilor aveam pofta sa-i fac dar folosind o alta reteta (aici cei cu mac care se apropie de covrigii din Romania, aceasta este diferita.)
Ingredienti:

cca 500 gr farina - cam 500 gr faina
200 ml latte - 200 ml lapte
25 gr lievito fresco - 25 gr drojdie
1 cucchiaino sale - 1 lingurita sare
1 cucchiaino miele - 1 lingurita miere
3 cucchiai olio di oliva - 3 linguri ulei de masline
1 uovo - 1 ou
sesamo a piacere - susan dupa gust
facoltativo: noci, mandorle, pinoli - daca doriti : nuci, migdale, seminte de pin

Si fa l'impasto (senza sesamo) se si lascia lievitare. Si divide in pezzi di cca 50 gr, si stendono in forma rettangolare e poi si rullano e si uniscono formando i cerchi. A piacere si possono riempire con noci, mandorle o pinoli (io ho messo dei pinoli che amo tanto). Si lascia lievitare per un altro quarto d'ora, spennellarli col uovo battuto e un po' di sale e aggiungere il sesamo a piacere. Si lasciano al forno per circa 25 minuti a 180°.

Se face aluatul (fara seminte) si se lasa la dospit. Se imparte in bucati de cca 50 gr fiecare, se intind in forma de dreptunghi, se ruleaza si se unesc capetele, dandu-le forma de cercuri. Daca doriti se pot umple cu nuci, migdale sau seminte de pin (eu am folosit ultimele care-mi plac f. mult). Se mai lasa la dospit un sfert de ora, dupa care se ung cu ou batut si sare si se adauga susan. Se lasa la cuptor la 180°, cam 25 de minute.


Peppermint chocolate slice

Mi ricordo ancora oggi quando la nostra prof d'inglese ci raccontava del tradizionale...five o'clock , l'ora del tè. Rimanevo incantata dai suoi racconti, e la mia fantasia volava...magari immaginavo di trovarmi in un giardino con molti fiori o un bel salone...e perché no, oggi che vivo al mare, una bella terrazza sul mare... :-)

Questo dolce che sa di tanto cioccolato ma anche del profumo frizzante della menta secondo me è ottimo abbinato ad un tè alla frutta, fiori, quello che più gradite...

E' un classico anglosassone delle torte compatte, burose, ipercioccolatose...


Ingredienti

100 gr burro
150 gr cioccolato extra fondente
100 gr zucchero di cana
180 gr farina
2 uova
1/2 cucchiaino di essenza di menta

Per la glassa
100 gr cioccolato fondente
50 gr cioccolato bianco

Sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso; aromatizzare con l'essenza, unite il cioccolato sciolto con il burro, e la farina setacciata.
Versate il composto in una tortiera di 20 cm di diametro e cuocete a 165° per circa 20 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.
Sciogliete il cioccolato bianco a bagnomaria e versatelo sul dolce, lasciate rapprendere ma non indurire del tutto, tagliate a quadrotti e poi decorate col cioccolato fondente.



ps. ovviamente è buona a tutte le ore :-))

col cioccolato rimasto ho fatto un cestino che ho riempito di cioccolatini colorati :-)

lunedì 13 aprile 2009

Pasti la Vatican, Roma

Cateva poze de la Roma, cu ocazia Sarbatorilor de Pasti:










video

Il pranzo di Pasqua romeno

L'ultima volta che sono stata in Romania era proprio nel periodo di Pasqua, e in breve descriverò il pranzo tipico romeno a Pasqua anche se ovviamente ogni famiglia oggi sceglie cose nuove e in base ai propri desideri.
La "Pasca" è una torta con formaggio, zucchero, uva passa, uova, scorza di limone, burro, panna, vaniglia, l'impasto fatto di farina, uova, zucchero, lievito, un pizzico di sale, burro, olio, latte. Si usa portarla in chiesa per benedirla, assieme al vino, salsicce, uova colorate, prosciutto; tutto sistemato in modo carino in un cestino di paglia. Purtroppo non ho foto.

Pasca - tradizione romena - la foto è presa da qui

Cozonac - c'è anche sul mio blog, impasto dolce col ripieno di papavero, noci ma si può fare anche diversamente, i primi due sono i più diffusi.


Uova colorate - si fanno bollire le uova e si colorano con i colori alimentari a piacere. Io le faccio anche a Napoli, ogni anno, a Mara piace molto e soprattutto le piace "romperle", cioè, chi rompe l'uovo di chi :-)) Ognuno sceglie un uovo e poi si colpiscono fra di loro prima dalla "testa" e poi il lato opposto :-) Vince chi rompe l'uovo dell'altro, dopodiché...si mangiano ;-)
Il significato delle uova - qui



Prosciutto, salsicce fatte in casa, o comprate (chi non ha altra scelta). Di solito non mancano sulla tavola, quelle fatte in casa (in diverse modalità) sono veramente una squisitezza.


Agnello ripieno o pollo ripieno (per chi non ha l'agnello), mia mamma ha fatto il pollo ripieno l'ultima volta (ingredienti per il ripieno: 2 uova bollite, 2 uova crude, carne bollita e macinata o paté di fegato, mollica di pane ammollata in latte, un po di pancetta o lardo, cipolla verde, prezzemolo, sale, pepe, paprika).


Diversi dolci, molti somigliano molto a quelli italiani.
Delle ricette qui in lingua italiana.
Delle ricette qui in lingua romena.
vedi qui tradizioni romene legate alla Pasqua


Curiosità legate all'uovo:

L'Uovo Fabergé è una realizzazione di gioielleria che fu ideata presso la corte dello zar di tutte le Russie ad opera di Peter Carl Fabergé, della omonima compagnia.

Fra il 1885 ed il 1917, furono realizzate ben 57 di queste uova di Pasqua in oro, preziosi e materiali pregiati, una per ciascun anno, all'approssimarsi della festività. Fabergé ed i suoi orafi hanno progettato e costruito il primo uovo nel 1885. L'uovo fu commissionato dallo zar Alessandro III di Russia, come sorpresa di Pasqua per la moglie Maria Fyodorovna.

L'uovo, di colore bianco con smalto opaco aveva una struttura a scatole cinesi o a matrioske russe: all'interno vi era un tuorlo tutto d'oro, contenente a sua volta una gallinella colorata d'oro e smalti con gli occhi di rubino. Quest'ultima racchiudeva una copia in miniatura della corona imperiale contenente un piccolo rubino a forma d'uovo.

La zarina fu così contenta di questo regalo che Fabergé fu nominato da Alessandro "gioielliere di corte", e fu incaricato di fare un regalo di Pasqua ogni anno da quel momento in poi, con la condizione che ogni uovo doveva essere unico e doveva contenere una sorpresa.

La preparazione delle uova occupava un intero anno: una volta che un progetto veniva scelto, una squadra di artigiani lavorava per montare l'uovo.

I temi e l'aspetto delle uova variavano ampiamente. Per esempio, sulla parte esterna, l'uovo del 1900, era decorato da una fascia grigia metallica con inciso il programma dell'itinerario della ferrovia, ma all'interno aveva un intero treno molto piccolo in oro.

A partire dal 2006, appena ventun uova erano ancora in Russia, mentre la maggior parte in esposizione al museo dell'arsenale del Cremlino. Nove uova sono state comprate da Viktor Vekselberg nel mese di febbraio del 2004 e ritornate poi in Russia. Le più piccole collezioni sono nel museo delle belle arti della Virginia, nel museo di New Orleans dell'arte ed in altri musei nel mondo. Quattro uova sono nelle collezioni private ed otto mancano ancora.
Vedi la collezione qui.




vedi qui la Pasqua nel mondo

Pranzo di Pasqua napoletano - Pranz de Pasti tipic napoletan

Semplice e buono, mia suocera ha preparato un ottimo pranzo anche quest'anno:
Simplu si gustos, soacra a gatit un pranz bun si acest an:


Domenica
- Duminica
minestra con carne di agnello - supa cu verdeata si carne de miel, verdeata tipica napoletana

pasta con patate piselli e agnello - paste cu mazare, cartofi si carne de miel

agnello al forno - miel la cuptor

carciofi bolliti con olio e sale - anghinare fiarta cu ulei si sare

tortano - tort sarat tipic napoletan

pastiera napoletana fatta da Teresa - tort dulce tipic napoletan


Lunedì - Luni
pasta a spinaci con sugo di carne - paste (pernite) cu spanac facute in sos de carne

insalata di peperoni con olive e capperi - salata de ardei cu masline si capperi

agnello arrosto - miel la gratar

insalata mista - salata verde si ridichi

un po' di musica - si nitica galagie :-))


Vedi qui Pasqua a Napoli
Vezi aici sarbatorile de Pasti la Napoli

K R I S

Italiano-English- Romana

Per la traduzione di un post, lasciate un vostro commento.
For translation, leave a comment, please.
Pentru traducerea unui post, lasati un mesaj la "commenti".

Machine Translations

Bubbles

Etichette